testimonianza

La teste al processo “Ruby” è “inconsapevole” della responsabilità

Elena Morali, chiamata al Tribunale di Milano come testimone del processo “Ruby”, risponde così ai magistrati (vai all’audio sul sito di Repubblica)

Forse nessuno  le ha spiegato come ci si comporta. Il giudice deve averle detto che ha l’obbligo di dire la verità e poi deve averla invitata e leggere la formula di rito:

«Consapevole della responsabilità morale e giuridica che assumo con la mia deposizione, mi impegno a dire tutta la verità e a non nascondere nulla di quanto è a mia conoscenza»

Dall’atteggiamento avuto forse non l’ha capita.

Annunci