finanza

Niente lezione di giornalismo da Proto

Tornato in libertà il finanziere Alessandro Proto s’è iscritto su Twitter (l’account era @_Proto_, ma ora non esiste più) togliendosi qualche sassolino dalle scarpe, soprattutto nei confronti dei giornalisti. Annunciava che al processo nei suoi confronti avrebbe chiamato molti giornalisti finanziari ed economici, quelli che prima hanno tessuto le sue lodi credendo alle sue notizie e poi gli hanno girato le spalle. Avrebbe voluto che emergesse nel processo il funzionamento dell’informazione economico-finanziaria in Italia, quello che si sarebbe reso corresponsabile dei suoi reati: manipolazione del mercato su titoli Rcs e Tod’s, ostacolo all’autoritò di vigilanza e truffa.

Su liberoquotidiano.it si leggeva:

“Voglio chiamare come testimoni tanti giornalisti. Dovranno spiegare perché scrivevano determinate cose, spesso anche lusinghiere su di me, senza verificare le notizie. Il gip di Milano aveva rigettato la richiesta di patteggiamento avanzata dalla sua difesa: “Meglio così, avrò qualche sassolino dalle scarpe da togliermi

Nulla da fare. Non dovremo andare al tribunale di Milano per una lezione sullo stato del giornalismo economico-finanziario in Italia. Niente sassolini dalle scarpe. Oggi su ItaliaOggi leggo che ha patteggiato perché non voleva esporsi troppo mediaticamente

Schermata 10-2456589 alle 17.58.36

Annunci

Tre letture domenicali

Letture domenicali per riempirvi il tempo:

  • God bless Bob Woodward”, articolo di Foreign Policy sulle verità svelate dai giornalisti americani negli ultimi anni a riguardo delle guerre degli Stati Uniti, dei droni e delle spese per la sicurezza;
  • Clearstream, Kerviel, Bettencourt, Metzer, l’homme de trois saga judiciaire des années 2010”. Oggi è morto Olivier Metzer, 63 anni, avvocato francese e vero principe del foro impegnato nei casi più importanti. Slate.fr fa un riassunto;
  • The shadowy residents of One Hyde Park”. Chi abita la lussuosissima casa al numero 1 di Hyde Park, a Londra? Società finanziarie di oligarchi Lo spiega su Vanity Fair Nicholas Shaxson, autore del libro “Le isole del tesoro. Viaggio nei paradisi fiscali dove è nascosto il tesoro della globalizzazione