commissione antimafia

Ecco cosa ha detto in Antimafia Pecoraro sulla Juve

7 marzo 2017. Il procuratore federale Figc Giuseppe Pecoraro viene ascoltato in commissione parlamentare antimafia sui legami tra criminalità organizzata, tifo e squadre di calcio. Negli ultimi minuti della parte pubblica introduce il tema principale: la cessione di biglietti della Juventus ad alcuni esponenti vicini alla ‘ndrangheta, per la quale la procura della Figc ha indagato il presidente Andrea Agnelli e altre tre manager. Poi la seduta viene segretata.

Ore dopo Pecoraro ha fatto un comunicato: “Smentisco quanto mi è stato attribuito da alcune agenzie di stampa riguardo l’inchiesta in corso sui rapporti tra la Juventus e presunti esponenti delle criminalità organizzata. Allo stato, dopo aver ricevuto gli atti dalla Procura della Repubblica di Torino ed aver svolto le nostre indagini, stiamo valutando le memorie difensive della Juventus che ci sono state consegnate ieri sera. Solo dopo un’attenta valutazione delle stesse prenderemo le nostre determinazioni. Tra l’altro, ho chiesto che l’audizione odierna fosse segretata, proprio perché ci sono ancora valutazioni in corso. Mi sembra dunque irresponsabile attribuirmi dichiarazioni su fatti secretati”. Alcune frasi però sono state registrate da Radio Radicale prima della segretazione e dimostrano che le frasi attribuite a Pecoraro da alcune agenzie di stampa erano corrette.

Annunci