censura

Charlie Hebdo, quel processo per le vignette sui terroristi

Schermata 2015-01-08 alle 23.57.35Sulla vicenda di Charlie Hebdo ho scritto anche io qualcosa. Riguarda le vignette che hanno reso sgradevole il settimanale satirico agli occhi di molti musulmani, in particolare quelle del numero uscito il 6 febbraio 2006, per solidarietà al direttore di France Soir, licenziato per aver pubblicato le vignette di Jylland-Posten, quotidiano conservatore danese.

Per tre vignette l’ex direttore Philippe Val fu processato e assolto. Le sentenze – reperibili su internet dopo una semplice ricerca – sono molto significative.

Sull’Espresso ho riassunto la vicenda. Altre notizie potete trovarle sul blog di Pascale Robert-Diard, la cronista di giudiziaria di Le Monde, e sul blog Journal d’un avocat di “Maitre Eolas”.

Qui metto qualche contenuto in più. Sotto c’è il video di una “conférence de redaction” di Charlie Hebdo per il numero in questione. (altro…)

Annunci

Ti amo Andreotti

Una storica esibizione di Elio e le Storie tese al 1° maggio 1991. Iniziano con “Cassonetto differenziato (per il frutto del peccato)”, messo in scaletta, e poi inizia una lunga base con un’invettiva contro i politici. Si chiamava “Sabbiature”. Accadeva 22 anni fa.

“In realtà questo è un depistaggio per il funzionario della Rai, ma d’altra parte noi siamo in buona compagnia perché anche Andreotti è stato giudicato dalla corte Inquisitoria per un caso di depistaggio nelle indagini sul tentato Golpe Borghese il caso poi è stato archiviato come del resto altri 410 , su 411″