Antonio Di Pietro

La corruzione secondo Checco Zalone

Ecco, Checco Zalone nel suo ultimo film “Quo vado?” ci aiuta a fare un po’ di chiarezza tra i concetti di corruzione e concussione. Lo fa rappresentando il suo personaggio, un impiegato – anzi, “posto fisso” – della Provincia nell’ufficio “Caccia e pesca”, che riceve un cacciatore in attesa della licenza. “La corruzione è se tu non hai il permesso di caccia, vieni da me che sono il pubblico posto fisso e dici: ‘Senti, ti do la quaglia, mi dai il permesso di caccia?’”. La seconda invece “è se tu hai diritto al permesso di caccia e io ti dico ‘No, mi devi dare la quaglia!’”. Chiaro, no?

Nella stessa scena prosegue dicendo che la quaglia in dono regalata al “posto fisso” dal cacciatore è soltanto “educazione”. Insomma, quella forma di “educazione” ricorda un po’ il concetto di “dazione ambientale“,  spiegato da Antonio Di Pietro sulla rivista milanese “Società civile” nel maggio 1991.

Più che di corruzione o di concussione, si deve parlare di dazione ambientale ovvero di una situazione oggettiva in cui chi deve dare il denaro non aspetta più nemmeno che gli venga richiesto; egli, ormai, sa che in quel determinato ambiente si usa dare la mazzetta o il pizzo e quindi si adegua. Analogamente chi riceve il denaro non si mortifica più nel pretenderlo o nel chiederlo, ma semplicemente aspetta, tanto sa che prima o poi arriverà. Impostato così il problema, resta però da chiarire se questi comportamenti possano essere penalmente sanzionabili, in che tipologia di reato essi dovrebbero essere codificati e hi ne deve essere considerato il responsabile.

Tangenti, dal cappio alla fucilazione

Schermata 2015-03-25 alle 16.06.11

C’era una volta Luca Leoni Orsenigo, il deputato della Lega Nord che nel 1993, nel periodo di Tangentopoli, sventolò un cappio a Montecitorio. Ora si passa alle armi da fuoco e a farlo è un ex socialista, Lucio Barani, strenuo difensore di Bettino Craxi (a cui ha dedicato una statua nel Comune di Aulla, di cui è stato sindaco) e oppositore dell’ex pm Antonio Di Pietro (Aulla fu un comune “dedipietrizzato” da Barani). Ecco cosa riporta l’agenzia Public Policy oggi:

ROMA (Public Policy) – Chiunque compia reati di corruzione sia punito “con la fucilazione” da svolgersi pubblicamente nella piazza principale della città dove ha sede il tribunale competente. È quanto chiede un emendamento del senatore Gal, Lucio Barani, presentato in aula al Senato al ddl Anticorruzione.

Barani ha presentato al provvedimento una serie di emendamenti per chiedere che coloro che vengono condannati per corruzione siano tenuti “a chiedere pubbliche scuse”, con la loro “l’esposizione in piazza al pubblico ludibrio” per almeno 18 ore, “a prescindere dalle condizioni atmosferiche”. (Public Policy) SOR