politica

Quante supercazzole al consiglio comunale di Torino

Amici miei” resta una grande fonte di ispirazione, ma le sue battute – ahinoi – sono diventate un po’ logore. A seguire certi consigli comunali a Torino c’è una citazione torna spesso ed è quella della supercazzola. Questo concetto l’ho sentito ripetere molto spesso. Allora in un momento di noia mi sono messo a cercare nell’archivio dei verbali delle sedute alcune parole chiave per fare una rassegna – non esaustiva – di come il grammelot del conte Mascetti, interpretato da Ugo Tognazzi, sia stato usato dai consiglieri della Sala Rossa.

(altro…)

Annunci

Plano, sindaco no Tav, rischia l’espulsione

Dal Fatto quotidiano del 14 giugno 2014

Il Pd litiga pure a Torino. Toni alti, provocazioni e minacce di sanzioni. Da una parte i vertici centrali, dallaltra i dissidenti della Valsusa. In mezzo la linea ad alta velocità che dovrebbe unire Torino e Lione.

Tutto è nato dal discorso di insediamento di Sandro Plano, politico Pd che, con una lista No Tav, è stato eletto sindaco di Susa con soli otto voti di distacco dallavversaria Gemma Amprino. Mercoledì ha annunciato che lui non sarà il sindaco di tuttie che continuerà a opporsi allopera, come da programma.

(altro…)

Massoni allo scoperto

Da “L’Espresso”, rubrica “Riservati”, del 24 maggio 2014

I massoni nel Comune di Torino dovranno fare “coming out”, altrimenti pagheranno. Un anno fa il consigliere comunale Luca Cassiani (Pd) ha proposto la mozione «Organizzazioni segrete e incarichi pubblici: facciamo trasparenza» per obbligare colleghi, assessori e funzionari a dichiarare la loro affiliazione alle logge. Tuttavia nelle scorse settimane, dopo mesi di rinvii, la sua mozione è stata fermata. Il motivo? Il Consiglio ha approvato una norma per la quale gli eletti e i nominati negli enti pubblici cittadini «dovranno comunicare le associazioni a cui sono iscritti».

Altrimenti, se scoperti, saranno chiamati a pagare dai 500 ai 10 mila euro. La massoneria non è citata chiaramente, ma molti consiglieri danno per scontato sia inclusa nel provvedimento. Cassiani si dice comunque soddisfatto perché, a suo parere, «con la nuova norma i massoni dovranno dichiarare la loro appartenenza». Dubita, invece, dell’efficacia della regola il collega Marco Grimaldi (Sel), secondo il quale i massoni non ammetteranno mai e poi mai di armeggiare con compasso e grembiule.

Grillo marcia su Torino: “Sono oltre Hitler”

Pubblicato su Il Fatto quotidiano del 18 maggio 2014

Allo scocco della campana il silenzio per la scomparsa dei partiti non dura neanche un minuto. Piazza Castello a Torino è piena per lo sprint finale prima del voto. Qui, di fronte a quasi ventimila persone e davanti al Palazzo della Regione dove il presidente dimezzato Roberto Cota si è seduto per quattro anni, va in scena lo show di Beppe Grillo, arrivato a sostenere la candidatura di Davide Bono alla presidenza del Piemonte. È il solito Grillo scatenato, che ha un commento per tutti, perfino per Angela Merkel e Martin Schulz: “La prima cosa che ha detto di me Schulz quando è venuto in Italia è che io sono come Stalin. Lui che è tedesco dovrebbe ringraziare Stalin perché se non fosse stato per lui che ha sconfitto i nazisti sarebbe in parlamento europeo con una svastica disegnata in fronte”. Risponde pure a Silvio Berlusconi che ha paragonato lui e Gianroberto Casaleggio al Fuhrer: “Dicono che sono Hitler ma io sono oltre Hitler”. Si arrabbia se qualcuno osa paragonare il M 5 S ai partiti di estrema destra europea: “Ci dicono che siamo fascisti, nazisti, i cattivi che faranno del male fisico alla gente. In Italia non c’è stata violenza perché c’è il movimento”. Tuona, ancora: “La Digos è tutta con noi, la Dia è tutta con noi, i carabinieri sono con noi. Facciamo un appello: non date più la scorta a questa gente”. Grillo punta soprattutto sulle europee. Pensa in grande e annuncia: “Vinceremo con il 100 per cento”. Dopo il Parlamento italiano mirano a Bruxelles: “Non faremo come l’ebetino di Firenze e chi come lui ha leccato il posteriore alla Merkel – afferma -. Non andremo a trattare il fiscal compact, lo impacchetteremo e lo restituiremo alla Merkel in busta chiusa”. Sul Piemonte dice poco, ma ci pensano i suoi eletti e i suoi candidati ignoti ai più: “Sono orgogliosi di essere sconosciuti, sì, sono sconosciuti alle procure di tutta Italia”, dice il comico. Lui, che dice di riconoscere i pregiudicati perché è uno di loro, propone alla folla un nuovo processo: “Quando saremo al governo faremo su questa gente, prima che se ne vada, un processo fiscale: abbiamo il diritto di sapere come hanno speso i nostri soldi”. Un altro processo sarà verso politici, imprenditori e giornalisti che rovinano le categorie: la sentenza è virtuale, uno sputo sullo schermo. Quando sul palco sale il candidato presidente scatta un piccolo coro: “Bono! Bono! Bono!”. Lui interrompe e dà spazio ai ventuno candidati consiglieri usciti dalle primarie on-line: “Siamo gli unici ad averle fatte”, ricorda accennando al Pd. “Questa settimana recuperiamo gli ultimi punti che ci separano da Chiamparino per dargli una spallata”. È il candidato del centrosinistra il principale avversario in un territorio in cui la destra, dopo tanti scandali, ha poco da dire. Chiamparino, l’uomo delle banche, l’uomo del debito di Torino (“indebitator”, si legge su alcuni manifesti del M 5 S), l’uomo del sistema Torino tanto criticato dai consiglieri comunali Chiara Appendino e Vittorio Bertola, tornati alla carica soprattutto dopo l’arresto di Primo Greganti e i dubbi sul Pd torinese. “Noi ci crediamo – afferma Bono -, vincere non è un’impresa impossibile e quelli del Pd hanno paura”. I sondaggi davano la coalizione del centrosinistra in netto vantaggio, anche se i grillini potrebbero diventare il partito più numeroso inl consiglio: “Vogliamo essere la prima regione a 5 Stelle”, dice Bono dal palco.

Buonanno, un troll alla Camera

Gianluca Buonanno è un troll. Non per l’aspetto fisico: non è poi così basso, né ha i capelli sparati in aria, né ha legami con le creature della mitologia nordica, per quanto questa possa ispirare la Lega Nord. È un troll nel senso cybernetico: è un provocatore, qualcuno che non fa nient’altro che provocare per far perdere la pazienza gli avversari e poi magari tacciarli di antidemocraticità. È la strategia comunicativa affinata in questa legislatura, nella quale ricopre il ruolo di vice-capogruppo leghista alla Camera. Una strategia necessaria per emergere in un parlamento pieno di altri troll.

Sono creativo, ma con spiccato senso delle Istituzioni. Vicino alla gente, sentinella del territorio, come ogni buon leghista“, si descriveva Buonanno ad Antonello Caporale nel 2010 (fonte). Sul senso delle istituzioni possiamo pure dubitare.

Buonanno ha cominciato la sua carriera a 24 anni, nel 1990, come consigliere comunale del Movimento Sociale italiano a Serravalle, per poi diventare sindaco a 27 anni ed è rimasto lì per due legislature, fino al 2002. Poi è passato pure nel Pdl e nella lista Sgarbi, fino ad arrivare alla Lega Nord, in cui sembra a trovarsi molto a suo agio, al punto da accumulare cariche su cariche: è stato sindaco di Varallo Sesia e vicepresidente della provincia di Vercelli. Nello stesso tempo si è candidato sindaco a Borgosesia, viene eletto, ma non può diventare primo cittadino, quindi si accontenta di fare il vice. A Varallo invece, terminata la sua legislatura, diventa assessore. Nel 2008 viene eletto alla Camera e nel 2010 consigliere regionale, ma molla per incompatibilità: insomma, un po’ difficile gestire quattro incarichi. “Quattro lavori ma un solo stipendio. Faccio risparmiare e mi vogliono bene tutti quanti“, diceva a Caporale. Anzi, nel 2011 ribadiva – sempre a Caporale, ma in un’altra intervista – che “il cumulo non produce spese in più. Lo stipendio resta uno, solo gli impegni si moltiplicano per tre“. Peccato che poi l’indice di produttività su Open Polis sia 109,7. Bassino, anzi proprio basso: si piazza 469° su 630 deputati e ha presentato come primo firmatario tre proposte di legge.

Insomma, poco noto per l’attività legislativa e molto noto per le sue provocazioni. In passato si era meritato qualche trafiletto e qualche box pruriginoso dei giornali on-line per le sue trovate, magari qualche articolo più lungo sulle cronache locali, ma da quando è deputato si è pure beccato qualche sospensione dalle attività parlamentari. Perché salendo di grado ha aumentato la gravità delle provocazioni.

Una volta a Varallo Sesia c’erano i vigili urbani di cartone per scoraggiare gli automobilisti, poi sono arrivati i divieti di burqa e di vucumprà, i contratti coi cittadini stranieri, il caffè e il gratta&vinci omaggio con le multe, il deputato a domicilio, le galline regalate per combattere la crisi. Di idee simili ce ne sono ancora tante. Le elencava Alberto Statera su La Repubblica il 23 aprile 2008, poco dopo l’elezione del sindaco di Varallo Sesia alla Camera dei deputati.

«Viagra» gratis ai cittadini prostatici e ancora vogliosi, premi antiobesità per chi dimagrisce di un tot, spogliarello con gli assessori per reperire fondi da destinare al restauro del santuario. Fu un grande happening il giorno che i varallesi, uscendo di casa, s’ imbatterono in undici caprette del Tibet e quattro pecore locali incaricate di occuparsi, gratis, della manutenzione del verde pubblico, cominciando dal parco di Villa Becchi. Lo psicologo di Guantanamo non è da meno. Ha condannato ai «lavori forzati», costringendolo a trasportare mattoni accatastati nel cortile del municipio, un impiegato comunale beccato la mattina a fare la spesa in orario d’ ufficio e ha messo la macchinetta del caffè davanti alla sua scrivania: chi lo vuole deve berlo davanti a lui in tempi predefiniti.

Ecco qui invece le sue provocazioni, spesso razziste e omofobe, fatte nel corso di quest’ultimo anno. (altro…)

Sulla corruzione basta dare i numeri

Schermata 02-2456693 alle 17.34.54

Una menzogna ripetuta all’infinito diventa la verità”, teorizzava il gerarca nazista Joseph Goebbels, ministro della propaganda del Terzo Reich. La citazione mi è tornata in mente sentendo per l’ennesima volta un dato poco attendibile: la corruzione in Italia costerebbe sessanta miliardi di euro. Chi segue il tema sa già che questa cifra è una stima forse eccessiva. I rischi – secondo me – sono la banalizzazione del problema, molto più complesso, e la stanca abitudine di noi giornalisti a non verificare bene certe informazioni, accettando le citazioni fatte in maniera scorretta. Per far capire la gravità della corruzione bisognerebbe raccontarla, spiegarla e sviscerarla, non misurarla a spanne.

Ieri a dire che la corruzione costa 60 mld € era la Commissione europea “in un rapporto”. Già il fatto che sia l’esecutivo europeo a dirlo renderebbe il dato attendibile, ma sarebbe ingenuo e superficiale. A leggere il rapporto si vede che il dato è attribuito all’ “Italian Court of Audit“, cioè la Corte dei conti. Ci si potrebbe accontentare pure di questo rimando.

The Italian Court of Audit pointed out that the total direct costs of corruption amount to EUR 60 billion each year (equivalent to approximately 4% of GDP). In 2012 and 2013 the president of the Court of Audit reiterated concerns as to the impact of corruption on the national economy.

Tuttavia a chi segue il tema sarà scattato una sorte di allarme: “Ancora quei 60 miliardi di euro? Né più, né meno? Ancora?“. Sarà dal 2008 che la stima è rimasta quella, invariata, nonostante i terremoti economici e le nuove leggi.  La cifra è già stata citata più volte, spesso nelle relazioni annuali della Corte di conti. Tuttavia bisogna considerare che la corruzione è un fenomeno invisibile, difficile da scoprire e da quantificare. Non esistono statistiche precise: possiamo sapere solo i casi di corruzione denunciati e possiamo a malapena sapere quanti processi vengono fatti, figurarsi se possiamo quantificare i casi sommersi, gli importi e i danni all’economia. E com’è possibile allora che ogni anno si abbia un dato e com’è possibile che quel dato sia sempre uguale?

(altro…)