Mese: marzo 2015

Tangenti, dal cappio alla fucilazione

Schermata 2015-03-25 alle 16.06.11

C’era una volta Luca Leoni Orsenigo, il deputato della Lega Nord che nel 1993, nel periodo di Tangentopoli, sventolò un cappio a Montecitorio. Ora si passa alle armi da fuoco e a farlo è un ex socialista, Lucio Barani, strenuo difensore di Bettino Craxi (a cui ha dedicato una statua nel Comune di Aulla, di cui è stato sindaco) e oppositore dell’ex pm Antonio Di Pietro (Aulla fu un comune “dedipietrizzato” da Barani). Ecco cosa riporta l’agenzia Public Policy oggi:

ROMA (Public Policy) – Chiunque compia reati di corruzione sia punito “con la fucilazione” da svolgersi pubblicamente nella piazza principale della città dove ha sede il tribunale competente. È quanto chiede un emendamento del senatore Gal, Lucio Barani, presentato in aula al Senato al ddl Anticorruzione.

Barani ha presentato al provvedimento una serie di emendamenti per chiedere che coloro che vengono condannati per corruzione siano tenuti “a chiedere pubbliche scuse”, con la loro “l’esposizione in piazza al pubblico ludibrio” per almeno 18 ore, “a prescindere dalle condizioni atmosferiche”. (Public Policy) SOR

Soldi alla Lega, Salvini complottista

Da ritagliare e conservare questa dichiarazione del segretario della Lega Nord Matteo Salvini dopo l’inchiesta sul finanziamento illecito alla Lega Nord (qui il mio articolo per ilfattoquotidiano.it) e dopo le nuove accuse di rimborsi illeciti ai consiglieri eletti in Emilia Romagna.

(ANSA) – MILANO, 11 MAR – “Siamo in Italia, non mi stupisce che comincino a spuntare come funghi anche inchieste sulla Lega. Non credo più alle coincidenze”. Lo ha detto Matteo Salvini che, intervenendo a Radio Padania, è partito dal processo Ruby ed è arrivato a parlare dell’inchiesta sui rimborsi aperta a carico di diversi leghisti ed ex leghisti in Emilia Romagna.
“Un giorno il Piemonte, un giorno l’Emilia e poi la Lombardia – ha sostenuto il leader del Carroccio -. Poi passiamo al Trentino, poi arriviamo in Liguria, anzi in Liguria ci sono già stati. Manca la Toscana, effettivamente, gli amici toscani sono preoccupati perché si sentono un po’ ignorati”. (ANSA).

L’idea dei complotti non è nuova. Già negli anni Novanta Umberto Bossi sosteneva ci fosse un complotto del Sismi a danni del Carroccio…