Sparita la pagina Spotted del Palazzo di giustizia

In breve stava diventano una raccolta di pettegolezzi succulenti sugli avvocati (tutto in modo anonimo) e di racconti esilaranti sui processi e sui magistrati. Però il giochetto è terminato in fretta, giusto qualche giorno. Era la pagina Facebook “spotted” del Palazzo di giustizia di Torino. Lo “spotted” è una maniera di mandare messaggi “spot” per comunicare in modo anonimo l’interessamento a uno persona incontrata per caso, di cui non si hanno contatti, nella speranza che lei legga.

La pagina si chiamava “Spotted: Tribunale e Procura di Torino” e fino a domenica pomeriggio aveva poco più di 400 utenti e 40 messaggi circa, quasi tutti indirizzati a praticanti avvocati e avvocatesse incrociate nei corridoi e al bar. Però poi è scomparsa.Schermata 04-2456390 alle 16.56.25

Qualche utente si era posto il dubbio. C’era chi sollevava questioni deontologiche (forse il Consiglio dell’Ordine degli avvocati non avrebbe apprezzato questa pagina…) e chi sollevava questioni sulla privacy: gli amministratori possono leggere i mittenti dei messaggi anonimi e conoscere così gli autori dei messaggi in maniera univoca.

Peccato sia finita. Stava diventando un passatempo per molti giovani avvocati…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...