No del Tar alla pillola per gli scoiattoli grigi

Da “La Repubblica”, edizione di Torino del 23 gennaio 2013

Pure per gli animalisti l’ introduzione in Italia dello scoiattolo grigio, americano, mette a rischio lo scoiattolo rosso. Però il dibattito resta aperto: come limitare la proliferazione dei roditori “stranieri”?

Il Tar sta dalla parte della giunta regionale, che vuole sopprimerli e dà torto a due associazioni, la Lega per l’ abolizione della caccia e l’ Associazione animalisti italiani onlus, che preferiscono la sterilizzazione chimica. Gli ambientalisti hanno impugnato la decisione del 23 luglio con cui la Regione ha stabilito i piani 2012-2014 per arginare lo scoiattolo grigio. La tutela della specie autoctona «è legata alla rimozione degli scoiattoli grigi – scrive la giunta – … E non si prevede di superare la cattura di mille animali, corrispondenti al 3,8 per cento». La Regione prevede l’ uso di trappole per catturare gli animali: se lo scoiattolo è rosso viene rilasciato, se è grigio viene soppresso.

I giudici ritengono “impraticabile” il «ricorso a tecniche di sterilizzazione». Le associazioni, assistite dai legali Andrea Fenoglio e Mia Callegari, pensano di ricorrere al Consiglio di Stato: «Sterilizzazione impraticabile? Certo, non è stata mai provata, per motivi economici», spiega l’ avvocato Callegari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...