Rogo alla Thyssen. Boccuzzi cita l’azienda per il danno punitivo

Parte la causa civile dell’ex operaio e ora deputato Pd contro la multinazionale. Da “La Repubblica”, edizione di Torino del 29 settembre 2012.

Mentre si aspetta l’inizio del processo d’appello per la tragedia della ThyssenKrupp del 6 dicembre 2007, Antonio Boccuzzi, l’unico operaio sopravvissuto al rogo, ha depositato – tramite i suoi legali dello studio Ambrosio e Commodo – la citazione per la causa civile con cui chiederà alla multinazionale tedesca dell’acciaio un risarcimento milionario per «danno punitivo». Il processo si svolgerà di fronte al giudice della quinta sezione civile del Tribunale di Torino Patrizia Visaggi.

Il «danno punitivo» è una novità che non esiste nell’ordinamento italiano, motivo per cui questa azione legale potrebbe rivelarsi una causa pilota: «È la prima volta in Italia che si chiede il riconoscimento del “danno punitivo” – ha spiegato ieri mattina l’avvocato Renato Ambrosio -, se si eccettua un caso giudicato in Alabama che riguardava un’azienda italiana, un caso di cui si era chiesto il riconoscimento alla Corte di Cassazione». C’è un motivo principale per cui gli avvocati dell’onorevole del Partito democratico hanno deciso di avviare un’azione parallela a quella penale rivolgendosi al giudice civile: «Riteniamo questo un caso unico per la gravità della condotta dell’azienda. Il caso di Boccuzzi è unico e uniche sono le condotte, così come lo è stata la formula del dolo eventuale nella condanna in sede penale. La risposta in sede civile poteva essere solo la richiesta del danno punitivo». L’intenzione è di “colpire” l’azienda nelle sue finanze per disincentivare il risparmio delle aziende nella sicurezza sul lavoro, provocando un effetto pedagogico e deterrente, diminuendo i comportamenti dannosi. «Affrontiamo la causa con umiltà, serietà e determinazione. Dal nostro punto di vista, la risposta civile al dolo eventuale riconosciuto in sede penale dalla Corte d’assise nel 2011 non può che essere una sanzione necessaria per impedire il verificarsi di fatti di tale gravità. La sola azione penale, infatti, non è sufficiente a creare giustizia».

Sarà l’azienda la controparte,e non uno dei suoi dirigenti, come l’amministratore delegato Harald Espenhahn, già condannato in primo grado a 16 anni di reclusione per omicidio con dolo eventuale. La richiesta di risarcimento è molto alta, milionaria, ma l’ex operaio mette in chiaro alcuni aspetti: «Non ne faccio una questione di denaro – ha affermato – ma di diritto, e non mi sono posto un obbiettivo sulla cifra da ottenere. Voglio cercare di tracciare una strada nuova per far sì che il riconoscimento di una somma possa disincentivare i risparmi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...